Skip to main content
MAGAZINE 365G
Rabbia
Malattie cane

Quali sono i sintomi della rabbia nel cane e nel gatto

QUALI SONO I SINTOMI DELLA RABBIA NEL CANE E NEL GATTO

La rabbia è una malattia infettiva trasmessa attraverso il morso o il graffio di un animale infetto, per questo non è da sottovalutare, sia per tutelare i nostri animali domestici che per la trasmissione all’uomo. Vediamo insieme quali sono i sintomi della rabbia nel cane e nel gatto.

COS’È LA RABBIA

La rabbia è una zoonosi, cioè una malattia trasmessa dagli animali all’uomo. Si tratta di una patologia infettiva, trasmessa quindi da un virus che usa l’RNA come materiale genetico. La rabbia viene definita spesso anche idrofobia: l’etimologia di questa parola di origine greca ci dice che vuol dire paura dell’acqua e fa riferimento ad alcuni sintomi della rabbia che comportano una certa difficoltà nell’articolare suoni e nel deglutire e dunque porta chi ne è infetto a manifestare spavento al momento di bere liquidi.

Rabbia

COME SI PRENDE LA RABBIA

Il virus della rabbia può essere trasmesso attraverso il contatto con la saliva di un soggetto infetto con il sangue di un altro, come può accadere con un morso; attraverso i nervi, il virus raggiunge il cervello: ecco perché può avere conseguenze fatali.
Quali sono i sintomi della rabbia
I sintomi della rabbia sono preceduti da una fase di incubazione che può durare da due settimane fino a un mese e mezzo nel caso del gatto, e che nel cane può invece protrarsi fino a due mesi.
In seguito alla fase di incubazione, si ha una fase intermedia in cui il soggetto può già trasmettere la malattia.

SINTOMI DELLA RABBIA CANINA

Come riconoscere i sintomi della rabbia canina? Facciamo attenzione a:

  • febbre;
  • alterazione del comportamento;
  • allucinazioni;
  • sensibilità alla luce.

Al momento in cui lo stadio della malattia avanza, possono manifestarsi due fasi:

  • furiosa: in questo caso il cane assume comportamenti aggressivi, appare disorientato, abbaia diversamente e con un’eccessiva salivazione;
  • paralitica: si tratta della forma più grave e comporta inappetenza, difficoltà nei movimenti dovuta una progressiva paralisi e infine la morte, che può sopraggiungere per asfissia.

Tra gli interrogativi più diffusi c’è quello sull’aspettativa di vita di un cane con la rabbia e questo naturalmente va valutato caso per caso, considerando anche l’eventualità che sia stato vaccinato o meno.

Rabbia

SINTOMI DELLA RABBIA NEL GATTO
I sintomi della rabbia nel gatto non sono dissimili da quelli riscontrabili in un cane, come la febbre, un comportamento insolitamente aggressivo e le allucinazioni.
La rabbia nel gatto si manifesta in queste fasi:

  • furiosa: in cui si distingue con chiarezza una notevole aggressività e che può protrarsi fino a due settimane;
  • paralitica: in cui si possono verificare la paralisi del diaframma, della mandibola e della faringe;
  • finale: in cui la paralisi si espande sempre più ad altre funzionalità, finché non sopraggiunge la morte.

La rabbia nel gatto si manifesta in modo meno frequente, ma bisogna fare altrettanta attenzione, se non di più, perché è più facile che morda e dunque che trasmetta la malattia anche alle persone.

COME SI CURA LA RABBIA
Qual è la cura per la rabbia, dunque? Il decorso della malattia è molto rischioso e l’eventualità della morte del soggetto interessato è notevole, per questo è fondamentale fare il vaccino antirabbico anche in seguito a un morso che possa destare il dubbio di un’infezione: nel caso si sospetti che l’animale in questione sia infetto, è indispensabile fare una dose di vaccino in modo tempestivo.
Il vaccino è naturalmente il modo migliore per prevenire la rabbia, è fondamentale soprattutto per quelle persone che per lavoro o che per altri motivi sono esposte al pericolo di contrarre la malattia, come per esempio i veterinari o altro personale che potrebbe entrare in contatto con gli animali.
Allo stesso modo, la vaccinazione dei cuccioli e dei gattini è sempre fortemente consigliata per proteggerli dalle malattie.
Rimani aggiornato e scopri altri consigli utili, entra a far parte della community di 365G.

Articoli simili

Tutti gli articoli
Ragazzo africano che accarezza un cane
Malattie cane

VERSO UN MONDO LIBERO DALLA RABBIA

leggi tutto
Cucciolo di cane che beve l'acqua di una pozzanghera a rischio di Leptospirosi
Malattie cane

Leptospirosi nel cane: sintomi, prevenzione e cura

leggi tutto
Cane pastore steso sul pavimento con segni di LEISHMANIOSI
Malattie cane

I sintomi iniziali della leishmaniosi nel cane

leggi tutto
Cane con bambina sulla riva di un fiume
Malattie cane

OSTEOARTRITE NEL CANE: PREVENZIONE, SINTOMI E CURA

leggi tutto
Zanzare al tramonto
Malattie cane

Filaria: quali sono i sintomi

leggi tutto
Bambina che abbraccia cane bianco barboncino
Malattie cane

Cosa s’intende per zoonosi

leggi tutto
Inverno Artrosi
Malattie cane

Artrosi nel cane

leggi tutto
Tosse
Malattie cane

Tosse dei canili: cause e cura

leggi tutto
Problemi intestinali
Malattie cane

Problemi intestinali nel cane

leggi tutto
Dermatite seborrica
Malattie cane

Dermatite seborroica nel cane

leggi tutto
Otite
Malattie cane

Otite nel cane

leggi tutto
Filariosi
Malattie cane

FILARIOSI DEL CANE

leggi tutto
Lyme
Malattie cane

MALATTIA DI LYME NEL CANE

leggi tutto
Piroplasmosi
Malattie cane

PIROPLASMOSI UNA MALATTIA TRASMESSA DALLE ZECCHE

leggi tutto
Erlichiosi
Malattie cane

EHRLICHIOSI NEL CANE

leggi tutto